Commissioni per acquisto vendita azioni

Oltre alle tasse, Tobin tax e imposta di bollo sul deposito titoli, ad incedere sul profitto o perdita nella compravendita di titoli azionari, oppure obbligazionari, ci sono i costi di negoziazione, le commissioni.
Che si pagano ogni volta che si acquista o si vende un titolo e l’ordine viene eseguito.

Grazie al trding online nel corso degli anni questi costi sono scesi notevolmente.
Pensa che fino a qualche tempo fa, diciamo fino alla prima parte degli anni duemila, con le banche tradizionali quando si immetteva un ordine e questo non veniva eseguito si pagava una commissione. Questo per colpa della miriade di passaggi che l’ordine doveva fare prima di arrivare in Borsa. L’impiegato di banca lo comunicava ad un altro operatore e questo lo comunicava alla Borsa.
Oggi questo tipo di commissione è stata abolita anche perchè con il trading online quando l’investitore comunica l’ordine alla banca questo viene trasmesso subito e immesso sul book.
E si paga solo quando l’ordine viene eseguito.

Le commissioni variano da banca a banca.

Ogni banca, broker, sim ha il suo profilo commissionale che applica ai propri clienti.
Che variano in base al controvalore, e anche dove sono quotati i titoli che abbiamo deciso di acquistare.
Commissioni fisse o variabili
Il risparmiatore può scegliere tra diversi profili commissionali fisso o variabile.

Scegli il profilo commissionale in base al numero di operazioni che fai.

La scelta del conto per fare trading, varia in base al numero di operazioni che si effettuano nell’arco del mese e dal controvalore negoziato.
Se siete un piccolo investitori con pochi capitali e che fanno poche operazioni l’anno il profilo scelto dovrà essere con commissioni fisse.
Se sei un trader esperto che fa diverse operazioni al mese con un buon capitale sarà più conveniente scegliere il profilo variabile.
Con le commissioni che salgono e scendono anche in base al numero di operazioni fatte nell’arco del mese.

Ed ecco quanto costa negoziare titoli azionari e obbligazionari.

Nell’immagine in basso alcuni esempi dei profili commissionali che riguardano le principali banche online.
Fineco,Webank,Widiba,Direct,Bancoposta.
commissioni trading

Se volete risparmiare sulle commissioni di negoziazione controllare le promozioni che le banche fanno per attirare nuova clientela. In certi periodi dell’anno si possono trovare commissioni vantaggiose per chi fa tante operazioni al mese.